Antiche Civiltà
Continenti Perduti
Antiche Divinità
Paranormale
Il Mondo Wicca
Misteri
Vampirismo
Personaggi Storici
Ordini Storici
Le Sette Meraviglie
In Vetrina

 Chat
 Forum
 Le Vostre Esperienze
 Linea del Tempo
Link Utili
Contattaci
Collabora
Staff
Note Legali

CURRENT MOON
moon phases

Misteri

L'isola…che non c'è!

a cura di Alberto Rossignoli

L'ultima volta è apparsa nel 1831 a trentasette gradi e undici primi di latitudine nord, dodici gradi e quarantaquattro primi di longitudine est da Greenwich: è un'isola tra la Sicilia e Pantelleria: è un'isola che ha la caratteristica di apparire e scomparire, il cui nome più recente è Ferdinandea.

Ma cosa è accaduto, nello specifico?

Tra il 22 e il 29 giugno del 1831, sulla costa siciliana si registrarono alcune scosse sismiche; circa dieci giorni più tardi, l'8 luglio, sorse una colonna d'acqua di altezza pari ad almeno 50 metri, nella zona compresa tra la costa e l'isola di Pantelleria. Nei giorni seguenti fu vista anche una colonna di fumo, anticipatrice di un'eruzione vulcanica (con lapilli e pomici). Il 16 luglio, nel punto in cui il mare misurava più di 200 metri di profondità, emerse un'isola dall'altezza di 50 metri circa e dalla circonferenza di 4 chilometri circa. Da Sciacca fu inviato un ufficiale giudiziario per far luce su quanto effettivamente avvenuto in quel tratto di mare, in genere non movimentato. Un peschereccio, con alla guida Michele Fiorini, attraccò sulla nuova isola: i membri dell'equipaggio, senza perdere tempo, piantarono un remo su quel lembo di terra, conquistato ora, di fatto, dai siciliani, poiché per primi vi avevano messo piede. Nel frattempo, i fenomeni sismico-vulcanici continuavano e si protrassero per quasi tutto luglio. Sulla "Gazzetta di Malta" del 10 agosto, si riferiva che tale capitano Humphrey Sanhouse era sbarcato dalla sua nave (la Hind), sulla nuova (e fumante) lingua di terra, piantandovi la bandiera britannica. Meno di una decina di giorni dopo, Ferdinando II di Borbone (re di Napoli e di Sicilia) annetteva l'isola al proprio regno, chiamandola "Ferdinandea" : detta denominazione gli fu suggerita dal professor Carlo Gemmellaro, un geologo dell'Università di Catania, che fu tra i primi a studiare la nascita e lo sviluppo di quella nuova isola. Verso la fine di settembre, su Ferdinandea approdò una spedizione scientifica organizzata dal professor Constant Prevost: un'altra bandiera, in quei giorni, sventolava sull'isola, e quest'ultima fu ribattezzata l'isola Giulia. Da allora, si potè assistere a un continuo andirivieni di colonizzatori e scienziati, che non mancarono di mutar nome a Ferdinandea: si pensi che, in un mese, cambiò ben sette nomi! Nel 1835, ove in precedenza si trovava il lembo di terra, rimaneva nulla più che un piccolo rilievo subacqueo, la cima del quale era a 3 metri di distanza dalla superficie marina; per circa un ventennio non diede ulteriori segni di vita. Nell'agosto 1863, riprese l'attività vulcanica e l'isola riemerse ma, dopo pochi giorni, fu inghiottita dalle onde

Diversi scrittori, pittori e musicisti fecero riferimenti a Ferdinandea: ricordiamo Camilleri, nel romanzo Un filo di fumo, Alexandre Dumas, in Viaggio in Sicilia, il compositore Francesco Pennini, nell'opera teatrale Descrizione dell'isola Ferdinandea, unitamente a una buona schiera di pittori del XIX secolo. Inutile dire che questo fu un mistero, ma soltanto nell'Ottocento: ai nostri giorni, sarebbe considerato come un evento naturale, non avente nulla di particolarmente misterioso e straordinario. Ferdinandea è tornata alla ribalta all'inizio di settembre 2001, a seguito di un vergognoso atto vandalico: venne distrutta un'epigrafe (rivendicante l'isola al popolo siciliano) che, in passato, fu posta sull'isola e che oggi giace nel Canale di Sicilia. Di chi è la responsabilità di questa bassa azione? Le ipotesi sono tante, ma nessuna certezza, a quanto sembra.

Intanto, Ferdinandea giace nel fondale marino e sembra, per ora, non voler riemergere: che sia un bene o un male?

Fonti:

Massimo Centini, Misteri d'Italia, Newton & Compton Editori, Roma, settembre 2006

Anticristo
La fine del Mondo
Arca Perduta
Eldorado
Fatima
I disegni di Nazca
La fontana Angelica
Il Diluvio Universale
Il Sacro Graal
Coral Castle
Il mito di Hiram
Tempio di
Gerusalemme

Macchu Picchu
Ooparts
Teotihucan
Il Mistero dei Templari
La maschera di Ferro
I due presidenti
Il Mistero di Amityville
Le Serpent Rouge
Le Profezie del Ragno Nero
Le impronte del Diavolo
La Cripta delle Barbados
Luci e ombre della cultura afroamericana
Thule paradisiaco luogo di segreti
John Titor, il Crononauta
Un Oscuro Autunno Caldo nella Londra Vittoriana
I Misteri dei Mortali Strumenti di Vita
La Sfavillante, Oscura Luce della Regina di Roma
Telecomando di esseri Umani nell'Ex Urss
Le Corbellerie
Un Eroe del Male nel Male del 18° Secolo
Il Delitto Basa
I Miracoli Di Saint-Medard
L'oscuro Dispotismo
La Strage dei Vincitori Perdenti
Il libro di Oera Linda
L’Oscuro Luogo delle Tempeste...
Il Navigatore Immortale
I Beati Paoli
I Re del Mare
La Mummia di Similaun
2012: Apocalisse Annunciata
I misteri di don Bosco
Le lacrime della Madonna
Piogge anomale
Il culto delle immagini acheropite in Italia
L'Eroica Resistenza di Gaeta
La misteriosa scomparsa di Glenn Miller
Criminali di Guerra in Italia e nel Mondo
Napoli: una Città da un Glorioso Passato
Il Piccolo Mondo
Il Caso Robert Toth
Romanov: giallo quasi risolto
Personalità Multiple
Sesto Senso
L'avvelenamento di Mozart
Radiazioni all'ambasciata statunitense a Mosca
Nikolas Tesla e la cospirazione contro l'energia perpetua
Fusione fredda: una lucente speranza dell'umanità oscurata
Una Lourdes in Lombardia
Il mistero di Christopher Marlowe
Il mistero di Paul McCartney
I Misteri dei Mortali Strumenti di Vita
Ingenua Navigatrice in un Mare d'Intrighi Insanguinati
Brian Weiss a proposito del mistero della vita oltre la vita
La società patriarcale e la Dea Madre
L’isola…che non c’è!
Enrico Mattei: incidente? Attentato?
L’inquieta presenza di Isabella di Morra
Tarante, tarantati, tarantismo
Federico Caffè come Ettore Majorana: due misteriose scomparse
La Danza della piccola Taranta
Una città sommersa nell’Adriatico?
Gli Indoeuropei: chi erano?
Gesù e Mithra
La tomba incompiuta
Tesori Nascosti
Le epidemie nella storia: un’introduzione
Chi Resuscita...
Bronzi di Riace
L’isola Robinson Crusoe
Il culto di Ercole in Italia
A proposito di “anima”: una cronistoria
Le Icone Religiose che Sanguinano e Piangono
Un caso di possessione dimenticato

ilportaledeltempo.it © 2014


Ideato da:
AxuriavonLionel
WebDesign & Script:
MiPnamic