Antiche Civiltà
Continenti Perduti
Antiche Divinità
Paranormale
Il Mondo Wicca
Misteri
Vampirismo
Personaggi Storici
Ordini Storici
Le Sette Meraviglie
In Vetrina

 Chat
 Forum
 Le Vostre Esperienze
 Linea del Tempo
Link Utili
Contattaci
Collabora
Staff
Note Legali

CURRENT MOON
moon phases

Misteri

Brian Weiss a proposito del mistero della vita oltre la vita

a cura di Alberto Rossignoli

In merito alla macro-questione della vita oltre la vita, diverse domande possono affollare la mente, ad esempio: ammesso che qualcosa vi rimanga, dopo la morte fisica, dove va a finire? Inoltre, è possibile che questa forma di energia (se vogliamo definirla così) possa tornare col tempo ad assumere sembianze umane? E se fosse così, potrebbe rimanerne traccia nella mente? Ebbene, c'è chi si occupa di andare in cerca di (possibili) tracce di vite precedenti nel profondo di ogni persona. Di chi si sta parlando? Di uno psichiatra americano, esperto di ipnosi regressiva, che ha insegnato in diverse università americane e ha diretto per oltre un decennio il Dipartimento di Psichiatria del Mount Sinai Medical Center di Miami, in Florida, oltre che essere autore di numerosi libri che hanno venduto milioni di copie nel mondo: il professor Brian Weiss. Questi, persona semplice, sorridente, disponibile, umile, di notevole serietà professionale e preparazione, si avvicinò all'ipnosi regressiva nel tentativo di curare alcune psicosi che hanno sede nel profondo della mente umana, come vedremo in seguito. Andiamo nello specifico. L'ipnosi regressiva, secondo le parole del professor Weiss, è una tecnica che consentirebbe un reale viaggio a ritroso nel tempo: l'operatore mette i pazienti in uno stato di totale rilassamento, stato in cui sono in grado di ricordare ogni avvenimento del loro passato, addirittura le loro vite passate. Coloro che si sottopongono a ipnosi regressiva acquisirebbero uno stato di serenità in quanto, come macro-conseguenza, acquisterebbero consapevolezza del fatto che la morte non esiste e che loro stessi e i loro cari non sono mai morti, in realtà. E, sfatando uno dei miti più comuni circa l'ipnosi, non è vero che si perderebbe conoscenza. Inizialmente, il professor Weiss era alquanto scettico, almeno sino al 1980, quando ebbe in cura una paziente (tale Kathrine), la quale soffriva di depressione e di numerose fobie: sotto ipnosi, ricordò eventi risalenti a quattromila anni prima, in un luogo dell'Estremo Oriente, in altro corpo e con un'altra identità. Alla fine di quella vita, era stata annegata assieme al suo bambino (in questa vita non aveva figli): dopo quella seduta, la sua paura di inghiottire le pillole dei medicinali svanì completamente.

Ora, da quanto emerso dai resoconti dei pazienti curati dal professor Weiss mediante ipnosi regressiva, l'unico tipo di differenza esistente tra i diversi spiriti si basa sulla tipologia di conoscenza raggiunta. Interessante la concezione che lo psichiatra americano ha di Dio: per lui, Dio è pura energia, una forma energetica che va al di là dell'umana comprensione e che tutto permea, anche la nostra stessa esistenza, dal momento che noi deriviamo da Dio. In merito al "post-mortem", per il professor Weiss, nella dimensione superiore non esiste lo spazio-tempo come convenzionalmente inteso e la reincarnazione non avviene immediatamente dopo il decesso: nell'attesa di reincarnarci, apprenderemmo nozioni nell'attesa della nuova incarnazione. Ad ogni modo, non esisterebbero punizioni, ma si porrebbe rimedio ai danni fatti, imparando l'amore e la compassione, al fine di crescere spiritualmente, perché questa è la causa finale dell'esistenza, per lo meno quella umana. Ma come mai si dimenticano le nostre vite passate? Secondo lo psichiatra americano, perché sarebbe quanto mai arduo ricordare una moltitudine di passate esistenze e, nondimeno, per poter verificare se davvero stiamo progredendo e stiamo imparando le lezioni che di volta in volta ci vengono fornite. Chiaro che la Terra non è l'unica dimensione in cui ci si reincarna: sarebbe però un luogo privilegiato per le anime, perché apprendano l'amore, la pazienza, la compassione.

Non è facile, ammette il professor Ring, distinguere di volta in volta se si tratti di fantasie, di metafore, di invenzioni oppure di autentici ricordi: capita però che un soggetto sotto ipnosi esponga dettagli a lui totalmente sconosciuti e, in secondo luogo, risulterebbero convincenti, per lo psichiatra, quei pazienti che incontrano i loro figlioli di precedenti vite e che sono in grado di raccontare loro eventi che li riguardano, risalenti magari agli anni Venti e Trenta del XX secolo; nondimeno, altro punto importante,è un po' difficile che si manifesti un effetto curativo sul soggetto se si trattasse solo di fantasie, a detta del professor Ring: l'effetto curativo riscontrato non potrebbe darsi solamente a causa dell'immaginazione E che dire di quei soggetti che parlano lingue a loro sconosciute, che riconoscono le loro tombe o il villaggio dove sono vissuti molto tempo addietro e via dicendo? E qualsiasi dato e/o nome esposto durante l'ipnosi può comunque essere successivamente verificato: sono prove aventi la loro oggettività. Questo è soltanto un breve articoletto introduttivo, senza pretese: intendo, col tempo, intraprendere ricerche personali riguardo al dottor Weiss, approfondendo la sua storia e le sue ricerche, ricerche che non mancherò di condividere con chi vorrà ascoltare e vorrà ricercare assieme a me, spinto da un sincero desiderio di conoscenza.

Fonti:

Roberto Giacobbo, Il ragionevole dubbio, Le risposte degli scienziati di fronte al mistero della vita oltre la vita, Giunti Editore, Prato, 2007.

Anticristo
La fine del Mondo
Arca Perduta
Eldorado
Fatima
I disegni di Nazca
La fontana Angelica
Il Diluvio Universale
Il Sacro Graal
Coral Castle
Il mito di Hiram
Tempio di
Gerusalemme

Macchu Picchu
Ooparts
Teotihucan
Il Mistero dei Templari
La maschera di Ferro
I due presidenti
Il Mistero di Amityville
Le Serpent Rouge
Le Profezie del Ragno Nero
Le impronte del Diavolo
La Cripta delle Barbados
Luci e ombre della cultura afroamericana
Thule paradisiaco luogo di segreti
John Titor, il Crononauta
Un Oscuro Autunno Caldo nella Londra Vittoriana
I Misteri dei Mortali Strumenti di Vita
La Sfavillante, Oscura Luce della Regina di Roma
Telecomando di esseri Umani nell'Ex Urss
Le Corbellerie
Un Eroe del Male nel Male del 18° Secolo
Il Delitto Basa
I Miracoli Di Saint-Medard
L'oscuro Dispotismo
La Strage dei Vincitori Perdenti
Il libro di Oera Linda
L’Oscuro Luogo delle Tempeste...
Il Navigatore Immortale
I Beati Paoli
I Re del Mare
La Mummia di Similaun
2012: Apocalisse Annunciata
I misteri di don Bosco
Le lacrime della Madonna
Piogge anomale
Il culto delle immagini acheropite in Italia
L'Eroica Resistenza di Gaeta
La misteriosa scomparsa di Glenn Miller
Criminali di Guerra in Italia e nel Mondo
Napoli: una Città da un Glorioso Passato
Il Piccolo Mondo
Il Caso Robert Toth
Romanov: giallo quasi risolto
Personalità Multiple
Sesto Senso
L'avvelenamento di Mozart
Radiazioni all'ambasciata statunitense a Mosca
Nikolas Tesla e la cospirazione contro l'energia perpetua
Fusione fredda: una lucente speranza dell'umanità oscurata
Una Lourdes in Lombardia
Il mistero di Christopher Marlowe
Il mistero di Paul McCartney
I Misteri dei Mortali Strumenti di Vita
Ingenua Navigatrice in un Mare d'Intrighi Insanguinati
Brian Weiss a proposito del mistero della vita oltre la vita
La società patriarcale e la Dea Madre
L’isola…che non c’è!
Enrico Mattei: incidente? Attentato?
L’inquieta presenza di Isabella di Morra
Tarante, tarantati, tarantismo
Federico Caffè come Ettore Majorana: due misteriose scomparse
La Danza della piccola Taranta
Una città sommersa nell’Adriatico?
Gli Indoeuropei: chi erano?
Gesù e Mithra
La tomba incompiuta
Tesori Nascosti
Le epidemie nella storia: un’introduzione
Chi Resuscita...
Bronzi di Riace
L’isola Robinson Crusoe
Il culto di Ercole in Italia
A proposito di “anima”: una cronistoria
Le Icone Religiose che Sanguinano e Piangono
Un caso di possessione dimenticato

ilportaledeltempo.it © 2019


Ideato da:
AxuriavonLionel
WebDesign & Script:
MiPnamic