Antiche Civiltà
Continenti Perduti
Antiche Divinità
Paranormale
Il Mondo Wicca
Misteri
Vampirismo
Personaggi Storici
Ordini Storici
Le Sette Meraviglie
In Vetrina

 Chat
 Forum
 Le Vostre Esperienze
 Linea del Tempo
Link Utili
Contattaci
Collabora
Staff
Note Legali

CURRENT MOON
moon phases

Misteri

La tomba incompiuta

a cura di Alberto Rossignoli

Faraone

Horemheb, quattordicesimo e ultimo faraone della XVIII dinastia (che regnò dal 1319 al 1292 a.C.), capo dell’esercito durante il regno di Tutankhamon, ancora leader militare sotto il successore Ay, divenne sovrano quando quest’ultimo morì senza lasciare eredi. Giunto al potere per meriti e non per discendenza, forte di una mentalità militare acquisita al servizio dei precedenti faraoni, Horemheb improntò il suo regno sotto il segno dell’ordine, della disciplina, dell’obbedienza. Per ironia della sorte, non riuscì tuttavia a farsi obbedire completamente proprio da coloro che dovevano predisporre il suo ultimo e più importante viaggio. Gli artisti incaricati di abbellire la sua tomba nella Valle dei Re, infatti, lasciarono incompiuta una buona parte delle opere. Su alcune pareti delle camere sepolcrali, dove dovevano splendere colori vivaci e figure ben definite, essi lasciarono invece disegni abbozzati, rifiniture interrotte, sculture appena iniziate. Quello che per l’epoca fu certamente un fatto inconsueto, e ancora non spiegato, specie per la tomba di un faraone, oggi si è rivelato un tesoro prezioso. Nella tomba del faraone-generale, gli studiosi dell’arte egizia possono infatti valutare con attenzione tutte le fasi che caratterizzavano il lavoro degli artigiani e degli artisti del Nuovo Regno e capire finalmente come nascevano i capolavori che ci sono giunti. La tomba è nota ormai da tempo: venne scoperta nel 1908 dall’egittologo inglese Edward Ayrton; ma adesso è diventata oggetto di una particolare attenzione proprio per il fatto che le pitture che la ornano sono incompiute, così come per la loro qualità estremamente raffinata e innovativa. Alcune delle opere che vi sono state rinvenute sono infatti in mostra al Louvre, insieme a una ricca serie di oggetti provenienti dal villaggio degli artisti di Dei el-Mèdineh. Nella sua tomba Horemheb fece sviluppare diverse innovazioni artistiche e rituali, che furono poi ereditate dai sovrani della dinastia successiva, la XIX (1292-1185 a.C.). Introdusse, per esempio, i dipinti su bassorilievo in sostituzione delle semplici pitture su fondo piatto che potevamo incontrare nelle sepolture precedenti. Proprio la condizione di opere incompiute consente poi di apprezzare appieno questo nuovo procedimento messo a punto dagli artisti del suo regno. In una prima fase, un disegnatore abbozzava le figure delle diverse scene con un tratto rosso; in seguito un rifinitore – probabilmente un capo squadra – correggeva gli errori e perfezionava i contorni con una specie di inchiostro nero. Nella terza fase agiva lo scultore che, seguendo con precisione le sagome delle figure donava loro un leggero rilievo, riempito infine dal pittore con colori vivaci. Per la prima volta nella tomba di Horemheb vennero scritti brani tratti dal Libro delle Porte, anziché da quello, molto più diffuso e utilizzato, dell’Amduat. La liturgia funebre dei faraoni prevedeva che brani liturgici venissero recitati ma anche iscritti nelle camere sepolcrali, sul sarcofago e negli stessi amuleti che adornavano la mummia regale. I più antichi di questi brani sono i Testi delle piramidi, che appaiono per la prima volta nella piramide di Ounas, ultimo regnante della V dinastia (2350-2321). Nel Nuovo regno, man mano che il pantheon egizio si arricchiva di divinità e che si perfezionavano le pratiche funerarie altri testi fecero la loro comparsa. Inizialmente il testo riservato al faraone era il libro dell’Amduat, una vera e propria guida per agevolare il viaggio nell’Aldilà. Horemheb decise invece di utilizzare per la prima volta il Libro delle Porte, che descrive il viaggio notturno del dio solare Ra.

Il Sole, oltrepassato l’orizzonte occidentale, naviga con la barca in mezzo al fiume dove incontra cinque porte, ciascuna abitata da genietti e serpenti sputafuoco che lasciano passare solo coloro che non hanno offeso Maat (la dea dell’ordine e della giustizia) nel corso della loro esistenza. Per disporre di una manovalanza ampia ed esperta per l’edilizia funebre della Valle dei Re, i faraoni della XVIII dinastia (quella di Horemheb) fondarono addirittura un villaggio: Deir el-Mèdineh, che prosperò per quasi 400 anni in una valle della montagna texana. Gli scavi hanno fornito una ingente quantità di oggetti di uso quotidiano e di documenti scritti. In un papiro c’è addirittura la prima testimonianza di uno sciopero, attuato al tempo di Ramesse III (1184-1153). Nel ventinovesimo anno del suo regno, gravi ritardi nei pagamenti agli operai della necropoli reale, spinsero i lavoratori a disertare il posto di lavoro e a dirigersi proprio al tempio di Horemheb per esigere 46 sacchi di grano, che alla fine furono consegnati.

Fonti:

Quark n. 18; Enrica Salvatori, Il mistero della tomba incompiuta

Anticristo
La fine del Mondo
Arca Perduta
Eldorado
Fatima
I disegni di Nazca
La fontana Angelica
Il Diluvio Universale
Il Sacro Graal
Coral Castle
Il mito di Hiram
Tempio di
Gerusalemme

Macchu Picchu
Ooparts
Teotihucan
Il Mistero dei Templari
La maschera di Ferro
I due presidenti
Il Mistero di Amityville
Le Serpent Rouge
Le Profezie del Ragno Nero
Le impronte del Diavolo
La Cripta delle Barbados
Luci e ombre della cultura afroamericana
Thule paradisiaco luogo di segreti
John Titor, il Crononauta
Un Oscuro Autunno Caldo nella Londra Vittoriana
I Misteri dei Mortali Strumenti di Vita
La Sfavillante, Oscura Luce della Regina di Roma
Telecomando di esseri Umani nell'Ex Urss
Le Corbellerie
Un Eroe del Male nel Male del 18° Secolo
Il Delitto Basa
I Miracoli Di Saint-Medard
L'oscuro Dispotismo
La Strage dei Vincitori Perdenti
Il libro di Oera Linda
L’Oscuro Luogo delle Tempeste...
Il Navigatore Immortale
I Beati Paoli
I Re del Mare
La Mummia di Similaun
2012: Apocalisse Annunciata
I misteri di don Bosco
Le lacrime della Madonna
Piogge anomale
Il culto delle immagini acheropite in Italia
L'Eroica Resistenza di Gaeta
La misteriosa scomparsa di Glenn Miller
Criminali di Guerra in Italia e nel Mondo
Napoli: una Città da un Glorioso Passato
Il Piccolo Mondo
Il Caso Robert Toth
Romanov: giallo quasi risolto
Personalità Multiple
Sesto Senso
L'avvelenamento di Mozart
Radiazioni all'ambasciata statunitense a Mosca
Nikolas Tesla e la cospirazione contro l'energia perpetua
Fusione fredda: una lucente speranza dell'umanità oscurata
Una Lourdes in Lombardia
Il mistero di Christopher Marlowe
Il mistero di Paul McCartney
I Misteri dei Mortali Strumenti di Vita
Ingenua Navigatrice in un Mare d'Intrighi Insanguinati
Brian Weiss a proposito del mistero della vita oltre la vita
La società patriarcale e la Dea Madre
L’isola…che non c’è!
Enrico Mattei: incidente? Attentato?
L’inquieta presenza di Isabella di Morra
Tarante, tarantati, tarantismo
Federico Caffè come Ettore Majorana: due misteriose scomparse
La Danza della piccola Taranta
Una città sommersa nell’Adriatico?
Gli Indoeuropei: chi erano?
Gesù e Mithra
La tomba incompiuta
Tesori Nascosti
Le epidemie nella storia: un’introduzione
Chi Resuscita...
Bronzi di Riace
L’isola Robinson Crusoe
Il culto di Ercole in Italia
A proposito di “anima”: una cronistoria
Le Icone Religiose che Sanguinano e Piangono
Un caso di possessione dimenticato

ilportaledeltempo.it © 2019


Ideato da:
AxuriavonLionel
WebDesign & Script:
MiPnamic